giovedì 27 novembre 2014

Una vellutata di funghi tipicamente autunnale

Di ritorno a casa dopo una giornata a dir poco frenetica, questa crema si è rivelata la nostra ricompensa perfetta.
Una ricetta veloce che racchiude tutto lo spirito dell’autunno nel suo gusto avvolgente e delicato.
Abbiamo riscoperto i funghi pleurotus: semplicemente spadellati non ci avevano fin’ora detto molto; in questa preparazione invece, ci hanno permesso di ottenere la consistenza ideale per una morbida crema ed il piacere di un confort food che solo le vellutate riescono a trasmettere.


Ingredienti per 2 persone:
500g funghi pleurotus
1 spicchio d’aglio
1 spicchio cipolla bianca
100ml brodo di manzo
1 cucch. crusca di grano
1 cucc.no green thyane
3 acciughe in olio al peperoncino
formaggio parmigiano
olio evo
latte di soia
gomasio
pepe bianco

Affettare la cipolla, mondare l’aglio e tagliarlo a pezzetti; soffriggerli in una casseruola con l’olio fino a farli colorare.
Pulire i funghi e versarli nella casseruola, bagnare con il brodo e portare a cottura. Insaporire con gomasio, pepe e green thyane. Unire poi la crusca e le acciughe.
Quando i funghi saranno cotti, frullarli con il mixer ad immersione fino ad ottenere una crema densa; allungare con un po’ di latte e rimettere sul fuoco ancora per qualche minuto.
Servire la crema con scaglie sottilissime di parmigiano. 

venerdì 21 novembre 2014

Gnocchetti di ricotta e castagne conditi con radicchio di Chioggia e briciole di cotechino

I negozi si stanno preparando per le festività natalizie e noi ci adeguiamo iniziando a pensare a quali piatti preparare.
Protagonisti saranno sicuramente gli ingredienti immancabili delle feste, ma anche quelli tipici del  nostro territorio e soprattutto i prodotti stagionali: gli gnocchi beneaugurali, il cotechino di Natale, le castagne ed il radicchio.
In questa ricetta proponiamo semplici e delicati gnocchetti di ricotta, più leggeri dei classici di patate, aromatizzati con un po’ di farina di castagne e profumati alla cannella.
Per condire, nostrano radicchio (preferibilmente quello tondo di Chioggia (VE), perché meno amaro del fratello lungo di Treviso (PD)) e del gustoso cotechino.
Un piatto bilanciato nel gusto e ricco di sapore, proprio grazie alla semplicità degli ingredienti che lo compongono. Insomma un buon inizio per il pranzo di Natale.

VINO CONSIGLIATO: Merlot "Grave" del Friuli (vino dal colore rosso rubino con riflessi violacei; profumo intenso, gradevole ed equilibrato che ricorda quello del mirtillo e del lampone; sapore asciutto e ben strutturato)


Ingredienti per 2 persone:
Per gli gnocchetti:
40g farina di castagne
250g ricotta vaccina
cannella
sale
Per il condimento:
1 cespo radicchio di Chioggia (VE) – 350g circa
210g cotechino precotto
¼ cipolla bianca
7g burro aromatico alle erbe
1 cucch.no miele millefiori
1 cucc.no gomasio
semi di finocchio
salvia
cannella

Mondare e affettare il radicchio.
Affettare la cipolla e ciocerla in padella con il burro; unire il radicchio e iniziare a cuocere bagnando con acqua.
Cuocere il cotechino nel suo involucro, ponendolo in una pentola con acqua bollente per circa 20 minuti. Toglierlo dalla confezione, scolarlo dal liquido e tagliarlo a pezzetti, quindi unirlo nella padella con il radicchio.
Insaporire con salvia, cannella e gomasio; addolcire con il miele ed unire, per ultimi, i semi di finocchio.
Nel frattempo preparare gli gnocchetti: setacciare le farine, unire la ricotta ed insaporire con sale e cannella. Impastare a formare un composto leggermente umido ma lavorabile, tirare dei cordoncini e ricavare gli gnocchetti (lunghezza circa 1 cm).
Cuocere gli gnocchetti in acqua bollente salata, man mano che vengono a galla trasferirli nella padella con il radicchio (evitare di scolarli per mantenere la morbidezza dell’acqua di cottura).

Mescolare bene, aggiungere il parmigiano e servire.

sabato 15 novembre 2014

Fettine di lonza e cavolini di bruxelles alla birra e castagne

Ancora cavoli, ma questa volta...."europei"!
Il sapore tutto autunnale delle castagne e quello più saporito delle acciughe si sono combinati per aromatizzare delle semplici fettine di lonza.
Per realizzare un piatto unico abbiamo unito i cavolini di bruxelles, lasciandoli insaporire con la birra nel fondo di cottura della carne.
Un tocco di originalità l'ha dato la paprika: con quel suo piacevole sapore piccantino, inaspettatamente, si è sposata davvero bene con gli altri ingredienti.


Ingredienti per 2 persone:
230g lonza di suino a fette
350g cavolini di bruxelles
2 spicchi d'aglio
5 castagne lesse
4 acciughe in olio al peperoncino
330 ml birra chiara
olio evo
salsa di soia
sale affumicato

Mondare e lessare i cavolini, con il cestello, nella pentola a pressione Domina Vitamin Lagostina per circa 5 minuti, posizionando la valvola in modalità pressione 1 (per verdure e alimenti delicati).
Soffriggere l'aglio a pezzetti in una casseruola con l'olio, unire le fettine di carne ed insaporire con paprica e sale. Versare un po' di birra e cominciare a cuocere rigirando la carne perchè prenda sapore da entrambi i lati. 
Unire poi le acciughe sminuzzate e la salsa di soia e, per ultimi, i cavolini e le castagne. Continuare a cuocere bagnando con la birra.
Servire le fettine di lonza con i cavolini e del pane nero di segale a fette.







martedì 11 novembre 2014

Gratin di cavolfiore con tonno, acciughe e....pomodorini ripieni

Cavolfiore e tonno: un accostamento di sapori delicato ed esaltato da nostrana mostarda dolce piccante.
Per aggiungere un tocco mediterraneo alla ricetta abbiamo unito delle acciughe piccantine, profumato origano e i pomodorini ripieni,...proprio quelli piccini e leggermente piccanti che si rivelano perfetti come apetizer o stuzzichino pre cena. Nel nostro caso sono diventati parte integrante della ricetta, insaporendo con gusto questo piatto senza nascondere gli altri ingredienti.
Uno sformato completo, morbido e diverso dal solito, insomma un'idea semplice e non pretenziosa per servire il beneamato cavolfiore.


Ingredienti per 2 persone:
400g c.a. cavolfiore bianco
208g tonno naturale
46g formaggio parmigiano grattugiato a scaglie
4 acciughe in olio al peperoncino
3 pomodorini ripieni di tonno
1 cucc.no mostarda di mele cotogne
1 uovo
origano
1 cucc.no gomasio
pane grattugiato
latte di soia q.b.
olio evo


Mondare, dividere a cimette e lessare il cavolfiore per 5 minuti con il cestello nella pentola a pressione Domina Vitamin Lagostina, posizionando la valvola in modalità pressione 1 (verdure e alimenti delicati).
Mescolare la verdura con il tonno spezzettato, i pomodorini a pezzetti e le acciughe sminuzzate. Insaporire con la mostarda, origano e peperoncino, il gomasio e per ultimo incorporare 2/3 del formaggio.
Oliare una pirofila, fare un primo strato di pane grattugiato e versare il composto di cavolfiore e tonno,
Sbattere l'uovo con un po' di latte e un cucch.no di olio dei pomodorini, versarlo sopra lo sformato quindi completare con il formaggio rimanente.
Cuocere in forno, preriscaldato a 180° con funzione ventilato, per circa 30-35 minuti, finchè non si colora in superficie.



lunedì 3 novembre 2014

Crema bianca di cavolfiore con lardo croccante

Come dovrebbe essere per voi un confort food? Per noi avvolgente, morbido e delicato. Questi sono proprio gli aggettivi che meglio descrivono la nostra crema bianca di cavolfiore.
Un piatto caldo e leggero che ci ha riscaldato in questo primo weekend di novembre.
Ma non ci siamo fermate qui, abbiamo voluto impreziosire la preparazione con del gustoso lardo, fatto incroccantire nel tegame.
Questo gioco di sapori, colori e consistenze ci ha permesso di realizzare una ricetta ricercata nella sua semplicità.

VINO CONSIGLIATO:  Gewurztraminer (vino dal colore intenso giallo paglierino con ricchi riflessi dorati, particolarmente aromatico ed intenso, i suoi sentori ricordano frutti esotici, agrumi e spezie, al gusto si presenta strutturato, corposo e deciso dal sapore aromatico)


Ingredienti per 2 persone: 
920g cavolfiore
30g lardo a fette
1 cucch. crusca di grano
500ml acqua cottura del cavolfiore
1/2 dado vegetale
rosmarino
olio evo
pepe nero

Sfilettare il lardo e scaldarlo in un tegame con l'olio fino a farlo incroccantire; togliere dal fuoco e tenere da parte al caldo.
Mondare e tagliare a cimette il cavolfiore, quindi lessarlo con il cestello nella pentola a pressione Lagostina Domina Vitamin, posizionando la valvola su modalità pressione 1, per circa 5 minuti dal fischio.
Trasferire il cavolfiore nel tegame dove era stato scaldato il lardo (e nel quale ne è rimasto il grasso rilasciato) e cominciare a cuocere bagnando piano piano con il liquido di cottura della verdura. Aggiungere la crusca ed insaporire con 1/2 dado, rosmarino e pepe nero.
Tenere sul fuoco, continuando a mescolare, finché non si ottiene una purea densa ma ancora grumosa. 
Servire la crema di cavolfiore ancora fumante, distribuendo su ogni ciotola il lardo croccante.



Anche per questo secondo anno non siamo mancate all'appuntamento con Cosmofood, fiera del food, beverage and technology che si tiene a Vicenza (PD) dal 01/11 al 04/11.
20.000 i visitatori del primo weekend in una kermesse che conta circa 300 espositori, sia del territorio Veneto, sia nazionali.


Quest'anno, da visitatrici, ci ha particolarmente colpito la grossa presenza di prodotti a base di peperoncino (da provare grappe, confetture e salse) e di tartufo (oli e creme). Immancabili i formaggi ed i cioccolatini, ma anche prodotti da forno e salumi.
Come di consueto grande è la presenza di aziende vitivinicole e, rispetto all'edizione 2013, abbiamo notato l'incremento dei produttori di birra, proprio una delle principali aree tematiche dell'evento.


Siamo ormai giunti a metà della manifestazione...il nostro consiglio è, se ne avete l'occasione, di non mancare all'appuntamento.

mercoledì 29 ottobre 2014

Vellutata di zucca e cannellini con frutti di mare

Quest'autunno ci siamo date alle vellutate.
Vi proponiamo una crema di fagioli cannellini e zucca, profumata con erbe aromatiche e speziata con il peperoncino.
Un tocco di gusto e classe è l'aggiunta di leggeri frutti di mare, a creare un piacevole contrasto di sapori e consistenze.


Ingredienti per 3 persone:
250g fagioli cannellini precotti
50g zucca lessata
300g frutti di mare (cozze e vongole)
1 mazzo rucola fresca
1 cucch polpa di pomodoro
1/4 cipolla gialla
1 spicchio aglio
peperoncino in polvere
olio evo
2/3 dado vegetale


Affettare la cipolla e soffriggerla in padella con olio, aggiungere i fagioli e la zucca e portare a cottura bagnando con un bicchiere di acqua ed insaporendo con il dado. 
Profumare le verdure con la rucola ed aromatizzare con le erbe di Provenza ed il peperoncino.
Ridurre le verdure a crema con il frullatore ad immersione, quindi rimettere sul fuoco per addensare.
Nel frattempo, mondare e soffriggere l'aglio in un padellino con l'olio, unire i frutti di mare e la polpa di pomodoro; speziare con il peperoncino.
Servire la crema ancora fumante, distribuendo su ogni piatto i frutti di mare.


Cogliamo l'occasione per ricordavi l'appuntamento di COSMOFOOD, la manifestazione del settore dedicata alle eccellenze del food & beverage e sulle tecnologie del settore, in Fiera a Vicenza (Padova) dal 1 al 4 novembre.



domenica 26 ottobre 2014

Lasagne ai funghi e crema al tartufo

Funghi, funghi e ancora funghi! La verdura per antonomasia dell'autunno non poteva che essere protagonista del primo piatto domenicale.
Per una volta abbiamo privilegiato la semplicità della ricetta, limitandoci all'utilizzo di un formaggio morbido aromatizzato al tartufo. Un'aggiunta di sapore delicata che ha esaltato quello dei funghi, senza risultare eccessiva. Insomma, quel retrogusto che rimane....
Un suggerimento di gusto potrebbe essere l'aggiunta nella farcia di croccanti noci da mescolare con i funghi.

VINO CONSIGLIATO Schioppettino (vino friulano dal colore rosso rubino intenso con riflessi violacei, profumato, molto speziato ricorda la cannella,la mora selvatica)


Ingredienti per 5 persone:
7 sfoglie per lasagne all'uovo (circa 145g)
600g funghi trifolati affettati
100g formaggio spalmabile al tartufo
2 spicchi aglio
4 foglie salvia fresca
liquore Marsala
formaggio parmigiano grattugiato
olio evo
sale, pepe bianco
Per la besciamella:
500ml latte
40g farina 00
35g margarina
noce moscata
sale


Mondare l'aglio e cuocerlo nel tegame in coccio con olio evo; unire i funghi e portare a cottura bagnando con il liquore ed un pò di acqua. Profumare le verdure con le foglie di salvia sminuzzate, quindi insaporire con il coriandolo, sale e pepe.
Sciogliere la margarina in un pentolino, unire la farina e, piano piano, il latte sempre mescolando con una frusta per evitare la formazione di grumi. Insaporire con sale e noce moscata, tenendo sul fuoco, continuando a mescolare, finché non si addensa (noi cerchiamo di mantenerla un pò liquida).
Distribuire uno strato di besciamella in una pirofila, quindi fare un primo strato con le sfoglie di pasta, metà dei funghi e metà del formaggio spalmabile al tartufo; coprire con la besciamella.
Fare un secondo strato di pasta, funghi e formaggi. Terminare con le sfoglie di pasta rimaste e la besciamella.
Cuocere le lasagne in forno, preriscaldato a 180° con funzione ventilato, per circa 20 minuti, coperte con un foglio di alluminio. Spolverare le lasagne con il formaggio parmigiano e rimettere in forno, senza alluminio, per altri 10 minuti a 200°, finché non si colorano in superficie.


venerdì 17 ottobre 2014

Dalle seppie in zimino alle seppie con pomodorini dolci e spinaci

Ispirandoci alla ricetta delle seppie in zimino, abbiamo ideato questo piatto unico dai sapori quasi dolci. Agli ingredienti principali della ricetta tradizionale, abbiamo infatti aggiunto dolci pomodorini e saporite acciughe.
Le seppie, freschissime, sono state preparate in pentola a pressione, per renderle morbide, e aromatizzate con le foglie di limone. Spinaci e pomodori sono stati cotti separatamente per tenere leggeri i primi e addolcire i secondi, senza mescolarli, se non in fase finale.
Una ricetta in cui si realizza il giusto bilanciamento tra i sapori di mare e terra, la leggerezza di pochi e semplici ingredienti ed un tocco tutto nostrano di sapore con piccole aggiunte.

VINO CONSIGLIATO: Chardonnay (vino dal colore giallo paglierino chiaro, profumo fruttato, sapore fresco ed aromatico)



Ingredienti per 5 persone:
1100g seppioline fresche
500g pomodorini
2,5kg spinaci in foglia freschi
5-6 acciughe in olio di semi di girasole
1 cucch mostarda di mele cotogne
2 cucch.ni zucchero
1/3 cipolla rossa
foglie di limone
bottarga di muggine
origano
salsa di soia
olio evo
olio aromatizzato ai pomodori secchi
vino bianco
sale

Affettare la cipolla e soffriggerla nella pentola a pressione Lagostina con l'olio evo, unire quindi il preparato per soffritto e bagnare con un pò di acqua.
Pulire le seppie e metterle nella pentola a pressione; aggiungere le foglie di limone, il dado e bagnare con vino bianco (2 ecodosi) e salsa di soia. Chiudere la pentola, posizionare la valvola su modalità Pressione 2 e cucocere per circa 15-20 minuti dal fischio.
Nel frattempo lessare le foglie di spinaci in pentola a pressione, coperte d'acqua, per circa 5 minuti dal fischio; scolarle e strizzarle bene.
Tagliare i pomodorini in parti e cuocerli in una padella con un filo d'olio aromatizzato ai pomodori secchi, insaporendo con zucchero, origano e sale. Unire nella padella le foglie di spinaci, le acciughe ed addolcire con la mostarda.
Aggiungere le seppioline nella padella con le verdure, dare sapore con la bottarga ed amalgamare bene. 
Servire il pesce sul letto di pomodorini e spinaci, accompagnando con polenta bianca a fette.

Related Posts with Thumbnails