lunedì 21 aprile 2014

Le cipolle di maggio alle erbette aromatiche

Questa varietà di cipolle è tipica dei mesi di aprile - maggio: più grandi della tipologia Borettane, dalla forma piatta e più dolci delle comuni cipolle bianche, si prestano per essere cotte al vapore e condite in modo leggero.
Seppur così semplici da preparare, non è stato facile trovare una ricetta per servirle. Approfittando di un apprezzatissimo regalo di erbe aromatiche insolite e curiose, abbiamo quindi improvvisato un condimento profumato a base di fresche erbette, ma arricchito da dolce e gustoso lardo.
Siamo state in grado di rendere le nostre cipolle un contorno leggero e diverso, reinventando in modo originale questo piatto povero.



Ingredienti per 4 persone:
1130g (7 di medie dimensioni) cipolle varietà bianca di maggio (forma piatta e colore bianco)
60g lardo a fette
timo limone
menta fresca
maggiorana fresca
salvia ananas
zathar (mix di erbette essiccate: timo, menta, cumino, semi di finocchio)
3 cucch pane grattugiato
salsa di soia
margarina
olio evo
sale



Mondare le cipolle cuocerle nella pentola a pressione Domina Vitamin, con una ecodose di acqua dentro il cestello, posizionando la valvola in modalità pressione 1 (verdure), per circa 7 minuti dal fischio.
Tritare le erbette fresche finemente e mescolarle con lo zathar; diluire il composto con un po' di olio e l'acqua di cottura delle cipolle.
Tagliare a striscioline sottili il lardo e cuocerlo in un padellino con la margarina, senza farlo incroccantire.
Disporre le cipolle in una pirofila con un filo di olio ed insaporirle con la salsa di soia ed il sale. Aggiungere il lardo e poi le erbette, quindi coprire con il pane grattugiato.
Cuocere le verdure in forno a microonde per circa 20 minuti, finché non cominciano a colorarsi in superficie.

giovedì 17 aprile 2014

Carbonara di asparagi con lardo e pinoli croccanti

Un'idea che è nata dalla voglia di provare il connubio asparagi e uova in una veste diversa e alla ricerca di un condimento semplice per una pasta fresca.
Una carbonara quasi vegetale arricchita da dolce lardo e croccanti pinoli per servire; marcia in più di questo primo piatto sono però anche la fresca maggiorana presa direttamente dal vaso e il saporito pecorino, ingrediente immancabile in una carbonara di gusto.
Un primo piatto giallo e verde, leggero ma gustoso, insomma un suggerimento in più per l'ormai prossimo pranzo di Pasqua.

VINO CONSIGLIATO: Verduzzo (vino dal colore bianco secco, profumo fruttato e maturo, sapore armonico e leggermente morbido)


Ingredienti per 5 persone:
500g pasta fresca  formato orecchiette 
300g asparagi verdi
1 cucch pane grattugiato
1 uovo
25g pinoli
40g lardo a fette 
20g pecorino romano grattugiato
2 spicchi d'aglio
maggiorana fresca
curcuma
margarina 
succo di limone
olio evo
sale, pepe nero

Mondare e cuocere gli asparagi nella pentola a pressione Domina Vitamin, con una ecodose di acqua dentro il cestello, posizionando la valvola in modalità pressione 1 (verdure), per circa 10 minuti dal fischio.
Soffriggere l'aglio in padella con l'olio, unire gli asparagi e far insaporire; bagnare con il succo di limone, regolare di sale e profumare con la maggiorana fresca.
Tagliare il lardo a striscioline sottili e farlo dorare in un padellino con un po' di margarina. Prima che diventi troppo croccante aggiungerlo nella padella con gli asparagi.
Sbattere l'uovo con il pecorino ed il pepe.
Cuocere la pasta in acqua bollente salata e colorata con la curcuma. Scolare le orecchiette e versarle nella padella con gli asparagi, quindi unire il pane grattugiato, lo sbattuto di uovo e formaggio e ammorbidire con un po' di acqua di cottura.
 Tostare i pinoli per qualche minuto in microonde, senza alcun condimento.
Servire la pasta guarnendo ogni piatto con i pinoli tostati e, a piacere, una grattugiata di pepe nero.

Approfittiamo di questo post per fare a tutti voi i nostri migliori auguri di Buona Pasqua!

lunedì 14 aprile 2014

Crostata di carciofi e ricotta al profumo di agrumi

La più classica crostata ai carciofi e ricotta: una torta con un ripieno semplice e delicato, arricchito da croccanti mandorle, una mostarda agrumata e profumato timo limone.
Per questa farcia abbiamo scelto una base altrettanto semplice e leggera, ma rustica: un terzo dell'impasto è infatti costituito dalla farina di grano saraceno.
Questo gioco di sapori ha reso meno scontata la nostra torta, rivisitando un classico della stagione primaverile con qualche piccolo accorgimento di sapore in più.

VINO CONSIGLIATO: Raboso (vino dal colore rosso rubino carico, profumo intenso intensissimo che ricorda la mora selvatica e i frutti di sottobosco, sapore secco e leggermente acidulo)


Ingredienti per teglia 20cm diametro:
200g farina 00
450g spicchi di carciofo precotti
250g ricotta vaccina magra
4 fette bresaola
2 cucch.ni mostarda alle clementine
mandorle pelate
timo al limone
nepitella
1 spicchio aglio
1/2 dado vegetale Fattoria Italia
vino bianco
olio evo
sale, pepe bianco

Setacciare le farine, unire alcuni cucchiaio di olio ed insaporire con nepitella sminuzzata e sale; iniziare ad impastare aiutandosi con acqua tiepida. Lavorare fino ad ottenere un panetto e lasciarlo riposare alcune ore a temperatura ambiente.
Scaldare l'aglio in padella con olio, unire i carciofi e portare a cottura bagnando con vino bianco; insaporire la verdura con il timo al limone, sale e pepe bianco. A fuoco spento aggiungere le mandorle sminuzzate (precedentemente tostate in forno a microonde), la mostarda e amalgamare con la ricotta.
Stendere la pasta in una tortiera con carta da forno, disporre sulla base le fette di bresaola e farcire con il composto di carciofi e ricotta. Decorare con un pò di pasta tenuta da parte.
Cuocere in forno, preriscaldato a 200°, con funzione ventilato, per circa 20-25 minuti.

giovedì 10 aprile 2014

Petto di pollo su salsa fresca di yogurt e pomodorini con confit e mandorle croccanti

Quando si dice che internet aiuta: abbiamo scoperto la sua ricetta navigando su FB, ci ha colpito per la semplicità di esecuzione e l'accostamento delicato dei sapori.
Decise a provarla, abbiamo modificato un po' gli ingredienti e la preparazione, preferendo utilizzare solo lo yogurt e tenendo qualche pomodorino intero, da servire con la carne.
Abbiamo osato nell'utilizzo della mostarda alle clementine e dell'aroma alla vaniglia per addolcire e profumare i pomodorini; tuttavia il risultato non è stato eccessivamente dolce come si potrebbe pensare, anzi hanno creato il giusto bilanciamento con i gusti più aciduli di yogurt e limone.
Un piatto indubbiamente fresco e leggero, bello per i colori e le diverse consistenze: cremosa la salsa, morbido il pollo e i pomodini e croccanti le mandorle.

 

Ingredienti per 7 persone:
820g petto di pollo in pezzi
500g pomodorini pachino
250g pomodorini datterini
1 cucch capperi 
150g yogurt greco magro 0%
mandorle a lamella
1 cucch mostarda alle clementine
1 limone succo 
prezzemolo
origano
sale alle erbe aromatiche
glassa gastronomica all'aceto balsamico
2 fialette aroma alla vaniglia
2 cucch olio evo
sale


Lasciare marinare per una notte il pollo in una crema di yogurt, succo di limone e una fialetta di aroma alla vaniglia.
Tagliare a pezzetti i pomodorini e farli appassire nel forno a microonde senza alcune condimento. Quando sono quasi pronti insaporire con la mostarda, la fialetta di aroma alla vaniglia, il prezzemolo e la glassa gastronomica; mescolare aggiungendo un po' d'olio e salare.
Far colorare le mandorle cuocendole per qualche minuto in forno a microonde senza alcun condimento.
Preparare la salsa: frullare 2/3 dei pomodorini con la marinatura, aggiungere i capperi ed insaporire con l'origano ed il sale aromatico. Tenere la salsa in frigo per almeno un'ora.
Cuocere il pollo sulla piastra antiaderente, quindi unirlo nella pirofila con i pomodorini rimasti e passare in forno con funzione ventilata a 160° per circa 20-30 minuti.
Servire distribuendo sul fondo del piatto la salsa di pomodoro e yogurt, poi le fette di pollo e coprire con i pomodorini del fondo di cottura e le mandorle. 
A piacere bagnare con un filo di olio al peperoncino.

lunedì 7 aprile 2014

Crostata di crema con marmellata al caffè

Quale modo migliore per esaltare una marmellata se non utilizzandola come farcia di una crostata?
Per noi la marmellata è questa al caffèquindi niente frutta per coprire, ma una dolce crema pasticcera aromatizzata al liquore Marsala.
Nella ricetta non riportiamo né il procedimento per la pasta frolla, né quello della crema pasticcera, perchè ben sappiamo che ognuno ha le sue versioni; l'unico accorgimento  è aromatizzare anche la pasta con un amaro.
Una crostata in cui la semplicità ha consentito di esaltare meglio gli aromi del caffè e del liquore, proprio quello che serve per concludere un buon pranzo.


Ingredienti per tortiera 22 cm diametro:
600g panetto di pasta frolla
liquore Amaro del Duca
liquore Marsala
500g crema pasticcera al limone e vaniglia
mandorle a lamelle

Reimpastare la pasta frolla bagnandola con il liquore Amaro del Duca, quindi stenderla in una tortiera coperta con carta da forno.
Preparare la crema pasticcera aromatizzandola con il liquore Marsala e lasciarla riposare per mezz'ora.
Distribuire sulla torta uno strato di marmellata al caffè, poi coprire con la crema pasticcera.
Abbrustolire le mandorle passandole qualche minuto in forno, senza condimenti, fino a colorarsi.
Cuocere la torta in forno con funzione ventilata a 200°, coperta con un foglio di alluminio per circa 25 minuti, sul ripiano più basso nel forno; poi spostarla sul ripiano mediano per circa 35 minuti, togliendo l'alluminio gli ultimi 20 minuti.
Servire decorando con le mandorle a lamelle.

venerdì 4 aprile 2014

Risotto agli asparagi bianchi con gamberetti marinati al limone

Un risotto che nella nostra famiglia, negli anni, ha da sempre sancito l'inizio della primavera; gli asparagi bianchi sino i primi che compaiono tra i banchi della verdura, ideali quindi per preparare questo primo piatto raffinato ed elegante.


Due gli ingredienti che hanno creato la leggerezza del risotto: freschi gamberetti marinati al limone e profumata erba cipollina ma, prima di tutto, i dadi gusto vegetale Fattoria Italia, che ci hanno aiutato ad insaporire il riso, senza però alterarne il gusto.
Altra particolarità di questo piatto è il riso che abbiamo utilizzato: vialone nano per risotti classici, ma "essiccato sull'aia per due settimane sotto i raggi del tiepido sole autunnale".
Insomma un primo piatto della nostra tradizione familiare, con qualche tipica aggiunta alla Spizzichi & Bocconi.


Ingredienti per 5 persone:
375g riso vialone nano essiccato sull'aia Azienda Agricola Giuseppe Melotti
900g asparagi bianchi
150g gamberetti sgusciati precotti
2 dadi gusto vegetale Fattoria Italia
20g formaggio al latte
1 limone succo (piccolo)
erba cipollina essiccata
sale rosa dell'Himalya
zenzero
olio evo
2 spicchi aglio
sale


Mondare gli asparagi e lessarli nella pentola a pressione Domina Vitamin, nel cestello con due ecodosi di acqua e posizionando la valvola in  Pressione 1, per circa 20 minuti dal fischio. 
Scolare i gamberetti e lasciarli marinare nel limone, profumando con l'erba cipollina ed insaporendo con il sale rosa dell'Himalya.
Mondare l'aglio e soffriggerlo nella risottiera Lagostina con l'olio, unire gli asparagi a pezzetti e fare insaporire. Aggiungere poi il riso, mescolare, quindi bagnare con l'acqua di cottura delle verdure ed un dado gusto vegetale.
Portare a cottura il risotto aggiungendo altra acqua ed il secondo dado; aromatizzare con lo zenzero e regolare di sale. 
Mantecare con il formaggio e togliere dal fuoco tenendo il risotto ancora cremoso. Distribuire infine su ogni piatto i gamberetti marinati e servire.

martedì 1 aprile 2014

Cheesecake integrale agli asparagi bianchi con meringa alle erbe aromatiche di Provenza

La prima cheesecake di primavera non poteva che avere come ingrediente principale gli asparagi.
Abbiamo voluto proporre il must uova e asparagi in una veste un pò insolita: ammorbiditi con una crema alle olive, abbiamo disposto la nostra verdura sopra una croccante base di cracker; a coprire una aromatica meringa salata a base di robiola.
Un accostamento di consistenze e sapori leggero e ben bilanciato, perchè secondo noi le cheesecake non devono avere solo formaggio ;-)


Ingredienti per una teglia 19cm diametro:
Per la base
275g cracker integrali svedesi
olio evo
sale, pepe nero
Per il ripieno
1kg asparagi bianchi
70g coppa a fette
150g formaggio spalmabile alle olive
1 tuorlo d'uovo
10 mandorle bianche
sale, pepe turco mix in grani
Per la meringa
75g robiola
1 albume d'uovo

Mondare gli asparagi e lessarli nella pentola a pressione con il cestello, per circa 20 minuti dal fischio.
Sbriciolare i cracker integrali e impastarli con l'acqua di cottura degli asparagi, l'olio, il sale ed il pepe. Oliare il piatto crisp e foderarlo con il composto di cracker; cuocere in forno a microonde con funzione crisp per circa 5 minuti.
Nel frattempo tagliare gli asparagi a pezzetti e mescolarli con il formaggio spalmabile, il tuorlo d'uovo e le mandorle a pezzetti; insaporire con le erbe aromatiche, sale e pepe.
Montare l'albume d'uovo con la robiola e le erbe aromatiche, quindi lasciarlo riposare in frigo.
Farcire la torta disponendo sul fondo le fette di coppa, versare poi il composto di asparagi e cuocere per circa 20 minuti in forno a microonde con funzione crisp.
Coprire la torta con la meringa e cuocere per altri 10 minuti in forno a microonde.

venerdì 28 marzo 2014

Crocchette di carciofi con salsa allo yogurt ed erbe aromatiche

Un finger food croccante fuori, caldo e morbido all’interno.
Perché per noi le crocchette non sono solo a base di patate, ma molte delle verdure primaverili si prestano per questa sfiziosa preparazione.
E’ la stagione che invoglia: cibi freschi e meno impegnativi, per questo abbiamo realizzato una salsa a base di yogurt ed erbe che ha alleggerito le nostre crocchette.
Insomma, piccine come appetizer, un po’ più gradi come contorno, ideali da mettere nel cestino da pic nic, queste crocchette di carciofi sono una idea semplice ed originale per ogni esigenza.












Ingredienti per 15 crocchette:
500g fondi carciofo
1 patata (95g lessata)
110g pane di segale
2 cucch arachidi salati
1 uovo
menta secca
prezzemolo
aglio in polvere
succo di limone
insaporitore a base di vino ed erbe aromatiche
pane grattugiato
olio evo
olio di semi di mais
sale
Per la salsa:
170g yogurt greco 0%
succo di limone
olio evo
menta secca
prezzemolo
aglio in polvere
sale alle erbe aromatiche di montagna
sale


Cuocere i fondi di carciofo in pentola a pressione, con il cestello per la cottura a vapore, per circa 10 minuti dal fischio della pentola.
Spezzare il pane e ammollarlo con un po’ di acqua di cottura dei fondi; mescolarlo con i carciofi e la patata, entrambi schiacciati con una forchetta.
Condire il composto con l’olio evo, il succo di limone e l’insaporitore a base di vino ed erbe aromatiche; unire gli arachidi tritati con il coltello, e profumare con la menta, l’aglio ed il prezzemolo, quindi aggiustare di sale. Impastare gli ingredienti con un uovo, e formare delle paline con le mani (meglio se bagnate).
Passare le crocchette in un mix di pane grattugiato e sale, poi lasciarle riposare per circa 20 minuti.
Preparare la salsa: mescolare lo yogurt con il succo di limone e l’olio evo, quindi profumare con la menta, il prezzemolo, l’aglio ed insaporire con il sale alle erbe; se necessario regolare di sale. Ottenere una crema morbida, allungando con qualche cucchiaio di acqua di cottura dei fondi di carciofo.
Cuocere le crocchette di carciofi in padella con l’olio di semi, rigirandole per far colorare. Servire accompagnando con la salsa di yogurt.
Related Posts with Thumbnails